Descrizione Progetto

Progetto “L’ARC EN CIEL”

Obiettivo:
Assicurare ai bambini dai 3 ai 5 anni un ambiente protetto e un’assistenza educativa indispensabile per compiere il primo passo verso un futuro che possa porre fine alla povertà e all’ingiustizia, e consentire alle loro madri di dedicarsi con più serenità e attenzione al lavoro senza essere costrette a portare con sé i figli. In particolare assicurare pasti di qualità ai bambini.

Contesto:
Il Rwanda è uno dei paesi più poveri al mondo: 2 persone su 5 sono costrette a vivere con meno di un dollaro al giorno, 1 bambino su 2 è malnutrito. Le famiglie più vulnerabili sono quelle capeggiate da donne sole, vedove o abbandonate, senza un lavoro fisso e con numerosi bambini a carico.
Ancora oggi, a 27 anni dal genocidio del 1994, quasi 800.000 bambini non hanno accesso a un luogo sicuro in cui crescere, imparare e acquisire gli strumenti per realizzare il cambiamento per sé e per la propria comunità.

In Rwanda i centri per i bambini in età pre-scolare sono pochissimi e si trovano solo nelle città. Nelle aree rurali le madri lavorano nei campi e nei mercati portando con sé i figli, spesso in condizioni igieniche precarie. Anche per questo molti bambini sotto i 5 anni sono deboli, malnutriti ed esposti a diverse malattie.

Area di intervento:
Repubblica del Rwanda, Distretto di Musanze-Ruhengeri, città di Ruhengeri e periferia.

Durata dell’intervento:
Gennaio – Dicembre 2021

Beneficiari:
47 bambini dai 3 ai 5 anni, e loro famiglie

Costo totale:

  • costo medio dei pasti per un anno scolastico per alunno: 150 €
  • costo complessivo annuale per i pasti di 47 alunni: 7.050€

La pandemia…:
La pandemia da Covid-19 ha causato molte difficoltà in tutto il mondo ma per le famiglie povere è stato un disastro!
Il contenimento e il coprifuoco hanno aumentato la mancanza di lavoro a causa di interruzioni delle operazioni quotidiane.
Nelle famiglie povere è stato più difficile mettere sul tavolo un piatto e questo ha aumentato la malnutrizione infantile.

Secondo l’O.M.S. l’insicurezza alimentare è stata aggravata quest’anno da una serie di crisi in alcune parti del continente: inondazioni, sciami di locuste e prezzi alimentari in aumento, sfollamenti. L’impatto del Covid-19 si è aggiunto a questi fattori, paralizzando le economie e distruggendo i mezzi di sussistenza, rendendo il cibo e i servizi sanitari inaccessibili o non disponibili: già all’inizio di quest’anno si stimava che Covid-19 avrebbe fatto aumentare la povertà nell’Africa sub-sahariana del 23%.

…e l’emergenza alimentare
Con il cibo sempre più scarso, i più piccoli sono a rischio crescente di malnutrizione grave. Prima della pandemia, più di 26 milioni di bambini in tutta l’Africa orientale e meridionale soffrivano di arresto della crescita e 2,6 milioni di bambini soffrivano di malnutrizione acuta grave, la forma più mortale di denutrizione. In Africa occidentale e centrale, si prevede che quest’anno 15,4 milioni di bambini sotto i cinque anni soffriranno di malnutrizione acuta grave; un aumento del 20% rispetto alle stime precedenti.
Anche in Rwanda le misure per contenere la pandemia hanno decimato i mezzi di sussistenza e la produzione agricola, i posti di lavoro si sono prosciugati, il cibo scarseggia e sta diventando sempre più costoso. Anche prima della pandemia, il Rwanda era uno dei Paesi con la più profonda crisi alimentare a livello globale e si prevede che tutta l’Africa sub-sahariana ospiterà più della metà.

0
bambini dai 3 ai 5 anni
Dona ora

Stato del progetto:  in corso

Approfondimento

SCHEDA PROGETTO
AGGIORNAMENTI

Attività

  • Pasti quotidiani per i 47 bambini

COSA PUOI FARE TU?

Queste sono alcune donazioni con cui puoi contribuire al progetto “L’ARC EN CIEL”

QUOTA MESE

15
  • Sostieni la quota mensile dei pasti per un bambino

QUOTA SEMESTRE

75
  • Sostieni la quota semestrale dei pasti per un bambino

QUOTA ANNUA

150
  • Sostieni la quota annuale dei pasti per un bambino

Ultime notizie dal Rwanda

DALLA TERRA ALLA SCUOLA

Ancora oggi, a 27 anni dal genocidio del 1994, quasi 800.000 bambini non hanno accesso a un luogo sicuro in cui crescere, imparare e acquisire gli strumenti per realizzare il cambiamento per sé e per la propria comunità.

DALLA SCUOLA ALLA TERRA

L’obiettivo era garantire l'autosufficienza alimentare di 47 famiglie vulnerabili capeggiate da donne vedove e rafforzare la loro autonomia finanziaria creando le condizioni per la continuità al termine delle attività.