La nostra storia

Nel 1988, quando abbiamo costituito l’associazione, eravamo un gruppo di amici accomunati da ideali comuni. Avevamo fatto nostro l’intento di un amico italo-argentino, Emilio Marchi, desaparecido sopravvissuto al regime militare che voleva rendere più umano il volto delle baraccopoli che aveva conosciuto nel nord dell’Argentina. Qualcuno pensò fossimo dei sognatori, ma unendo le forze e puntando al coinvolgimento diretto della popolazione locale, quel sogno nelle periferie degradate della città argentina di Posadas è diventato realtà per molti e ci ha dato lo slancio per ampliare il nostro raggio di azione anche a altre zone del mondo, in America Latina e Africa. 

Anno dopo anno l’associazione è cresciuta e, dopo un primo decennio di attività portate avanti esclusivamente da volontari, abbiamo progressivamente creato uno staff operativo per aumentare competenze e tempo dedicato alle cause che stanno a cuore a noi e ai nostri sostenitori .

APPROFONDIMENTO:
Le vicende di vita e di cooperazione di Emilio Marchi – trailer Habeas Corpus